Le elezioni a Scafati in due giorni. Arriva il sì al Senato

1608
Le elezioni a Scafati in due giorni

Le elezioni a Scafati in due giorni. L’approvazione è arrivata in Senato dopo che alla Camera già aveva ottenuto parere favorevole. Si torna al voto in due giorni in tutta Italia, andando in deroga alla legge di Stabilità del 2014. Ciò comporterà un maggiore aggravio di costi per le tornate elettorali, ma potrebbe servire ad aumentare la percentuale di votanti. Contenti anche gli studenti delle scuole nelle quali si terranno le operazioni di voto perché avranno un giorno ulteriore di riposo.

Le elezioni a Scafati in due giorni, ovviamente così in tutta Italia

Le amministrative del 2023 si terranno a Scafati per eleggere il nuovo sindaco della città dell’Agro. Cristoforo Salvati, sindaco uscente, ha incassato la sfiducia di 13 consiglieri comunali. Tutta l’opposizione con l’aggiunta di Espedito Fontana che ha appoggiato il disegno di mandare il sindaco a casa. A Scafati e in tutta Italia decisi anche gli orari con i quali si voterà alle prossime elezioni. La domenica dalle 7 alle 23 e il lunedì dalle 7 alle 15. Lo spoglio inizierà quindi il lunedì pomeriggio e solo in serata si conosceranno i risultati delle amministrative.

Il debutto alle Regionali

La nuova Legge che sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale sarà in vigore già con le Regionali. Il 12 e 13 febbraio, infatti, Lombardia e Lazio dovranno eleggere i loro Governatori. Alle urne per le Amministrative a Scafati si tornerà in primavera. Non sono ancora state stabilite le date eppure nella città dell’Agro tanti sono i nomi dei futuri candidati a sindaco. L’uscente Cristoforo Salvati ha raccolto l’adesione del vecchio gruppo e a breve i commissari di Fratelli d’Italia scioglieranno la riserva sulla candidatura a sindaco. Il viceministro Edmondo Cirielli ha già fatto capire che il sindaco tradito va tutelato. I commissari Giuseppe Fabbricatore e Nunzio Carpentieri stanno portato avanti il loro lavoro per ricompattare il partito dopo la frattura.