Il Papa apre alla comunità LGBT nella Chiesa

49
Il Papa apre alla comunità LGBT

Il Papa apre alla comunità LGBT nella Chiesa. Il passo è di quelli epocali e dopo i segnali che c’erano stati in precedenza ora arriva anche in maniera diretta. Papa Francesco apre all’omosessualità all’interno della Chiesa Cattolica e lo fa ribadendo il suo pensiero in un’intervista. Parole destinate a scuotere il mondo cattolico ma che “modernizzano” la visione della Chiesa. Un’apertura ai tempi che non può essere ignorata ma che rischia di trovare ostacoli. Difficile che un prete possa far passare questo messaggio soprattutto in piccole comunità, talvolta chiuse dal punto di vista mentale.

Il Papa apre alla comunità LGBT nella Chiesa: le parole del Pontefice

Papa Francesco ha criticato le leggi che criminalizzano l’omosessualità come “ingiuste”. Ha affermato che Dio ama tutti i suoi figli così come sono e ha invitato i vescovi cattolici ad accogliere le persone LGBTQ nella chiesa. “Essere omosessuali non è un crimine”, ha detto il Papa in un’intervista con l’Associated Press. Francesco ha riconosciuto che i vescovi cattolici in alcune parti del mondo sostengono leggi che criminalizzano l’omosessualità o discriminano la comunità LGBTQ, e lui stesso ha fatto riferimento alla questione in termini di “peccato”. Ma ha attribuito tali atteggiamenti al background culturale, e ha affermato che i vescovi in ​​particolare hanno bisogno di subire un processo di cambiamento per riconoscere la dignità di tutti. “Questi vescovi devono fare un processo di conversione”, ha detto, aggiungendo che dovrebbero usare “la tenerezza, per favore, come Dio ha per ciascuno di noi”.

Le Chiese che riconoscono l’amore omosessuale

Esistono varie chiese cristiane che riconoscono le unioni tra persone dello stesso sesso. Si tratta della Chiesa unita del Canada, la Chiesa evangelica luterana del Canada, la Chiesa evangelica luterana del Canada, la Chiesa Presbiteriana (USA), la Chiesa evangelica luterana in America. Anche in Europa ci sono Chiese che accettano le unioni omosessuali. Si tratta della Chiese Luterane in Svezia, Danimarca, Norvegia e Islanda. Poi c’è la Chiesa protestante in Olanda, oltre a quella Luterana evangelica in Germania che consentono la pratica dei culti ai fedeli uniti da una relazione con persone dello stesso sesso.