Scontri Paganese – Casertana: arrestati 9 tifosi

70
scontri paganese - casertana

Scontri Paganese – Casertana di domenica scorsa a Pagani, sono scattati gli arresti. Ben 9 ultras, 7 della squadra azzurrostellata tratti in arresto applicando la legge della flagranza differita. Anche 2 sostenitori provenienti da Caserta hanno ricevuto lo stesso provvedimento restrittivo. Per tutti e 9 gli ultras sono scattati gli arresti domiciliari. Sono attesi, adesso, dall’udienza di convalida da parte del giudice che stabilirà se potranno essere rilasciati ma comunque sottoposti a processo.

Scontri Paganese – Casertana, i soliti noti

Gli arresti eseguiti da Carabinieri e Polizia in un’operazione congiunta. Tra i 9 ultras sottoposti a misura cautelare figurano anche persone che già in passato erano state soggette a Daspo. Insomma, persone abituate ala violenza nascosta dietro i colori di una squadra di calcio. A nulla gli è valso restare senza guardare le partite, probabilmente perché più che la passione per la loro squadra del cuore hanno voglia di scaricare in uno stadio, e fuori, tutta la loro frustrazione sociale. Ad assicurarli alla giustizia il provvedimento firmato da Antonio Centore, procuratore di Nocera Inferiore, che ha disposto gli arresti dopo il lavoro degli inquirenti.

Le accuse ai tifosi violenti

Per gli ultras le accuse che li hanno portati agli arresti sono a vario titolo. Vanno dal possesso e lancio di fumogeni e oggetti contundenti alla resistenza al pubblico ufficiale. Inoltre, sono accusati anche di rissa e devastazione. La Procura scrive anche che le condotte “hanno determinato, tra l’altro, l’incendio di un pullman di tifosi della compagine casertana. Il conseguente danneggiamento di un edificio e di plurimi beni nell’area circostante. Nonché il ferimento di uno dei carabinieri intervenuti a presidio dell’ordine pubblico”.

Una domenica da dimenticare

E’ stata una domenica da dimenticare a Pagani. Nello stadio Marcello Torre il clima surreale per l’ingresso in ritardo dei sostenitori della Casertana bloccati negli scontri. Gli 85 tifosi sono rientrati a Caserta solo nella notte, a bordo di un altro pullman dopo che il loro era stato incendiato. Amarezza su tutti i fronti, anche da parte dei gestori del negozio Nuvola, che ha subito gravi danneggiamenti. I proprietari hanno evidenziato sui social i danni ricevuto e il lavoro che dovranno fare per rimettere in piedi la loro attività. Seondo quanto riportato da Ilfattoquotidiano.it, il Ministro Piantedosi starebbe pensando al Daspo di curva.