Supercoppa Italiana all’Inter: schiantato il Milan

109
supercoppa italiana

Supercoppa Italiana all’Inter. I nerazzurri battono 3-0 il Milan con i gol nel primo tempo di Dimarco e Dzeko e poi controllano la partita fino alla fine quando Lautaro Martinez segna la terza rete. La squadra di Simone Inzaghi non lascia mai gli attaccanti rivali a tu per tu con Onana e alla fine alza al cielo meritatamente la Supercoppa Italiana. Non c’è partita in Arabia Saudita, il derby ha solo il colore nerazzurro.

Supercoppa Italiana decisa già in avvio

La grande organizzazione dell’Inter mette subito alle corde il Milan. Giocate con tempi perfetti della squadra di Inzaghi che portano al gol di Dimarco innescato da Barella partito sul filo del fuorigioco. Alla prima occasione l’Inter colpisce e il Milan come un pugile suonato prova a restare in piedi sul ring. Il colpo, decisivo, glielo rifila Edin Dzeko. L’attaccante nerazzurro manda a vuoto Tonali che tenta un disperato recupero e colpisce in maniera perfetta verso il secondo palo dove Tatarusanu non può arrivare.

Inter concreta, Milan senza spazi

Fino all’intervallo l’Inter quando si affaccia in avanti crea sempre brividi, mentre il Milan sbatte puntualmente sulla retroguardia nerazzurra. L’unica volta in cui i rossoneri vanno alla conclusione, Leao cerca la conclusione spettacolare che Onana alza in angolo. La squadra di Inzaghi è corta, compatta, chiude gli spazi e Leao non riesce mai a superare l’uomo perché puntuale arriva il raddoppio della marcatura. Dimarco potrebbe definitivamente chiuderla su azione personale, ma Tatarusanu è presente su una conclusione comunque centrale. Pioli è in difficoltà e gli spunti che ha Kjaer, che si spinge centralmente in avanti, sono frutto più della strategia dell’Inter che aspetta e riparte più che di una capacità del Milan di aggredire i nerazzurri.

Fuoco di paglia rossonero

Differente l’atteggiamento della squadra di Pioli a inizio ripresa che confeziona anche una buona occasione con Leao che sfrutta una serie di errori in scalata dell’Inter dopo una sortita di Darmian che non rientra. L’Inter non dà mai la sensazione di lasciare spazi, la retroguardia è attenta come nella gara di campionato contro il Napoli. Così, il Milan cala d’intensità. L’unico che potrebbe godere di qualche spazio è Brahim Diaz tra le linee, ma il pallone non gli arriva quasi mai. E Pioli lo sostituisce. Neanche i nuovi innesti, però, danno linfa al MIlan, fantasma della bella squadra che nella passata stagione ha vinto lo scudetto. E alla fine su lancio dalle retrovie, Lautaro Martinez si beve Tomori e segna con un esterno fantastico che fissa il risultato sul 3-0.

I numeri della Supercoppa Italiana

E’ la settimana volta dell’Inter che raggiunge proprio il Milan nell’albo d’oro della Supercoppa Italiana. Detentrice del maggior numero di trofei è invece la Juventus che si è aggiudicata 9 delle 35 edizioni della manifestazione. Ultima volta, salvo nuovi accordi, in Arabia Saudita a Riad. E’ l’edizione più ricca della storia per le due finaliste che hanno incassato 3,4 milioni a testa per disputare il match tra gli emiri. Anche l’incasso va diviso di uno stadio con ampissimi spazi vuoti. Simone Inzaghi, con il quarto successo ai danni del Milan, raggiunge Fabio Capello e Marcello Lippi in testa alla classifica dei tecnici che hanno vinto più volte la Supercoppa Italiana.