Operaio ingoia chiodi in un panino di un noto fast food

67
operaio ingoia chiodi

Operaio ingoia chiodi in un fast food, operato d’urgenza. Ha del clamoroso la storia di un uomo di Cassino, trasportato in ospedale. Mentre mangiava il suo panino in un noto fast food della zona, l’uomo ha sentito un molare spezzarsi a contatto con qualcosa di estremamente duro. Quando ha espulso il cibo dalla bocca, ha visto uscire anche un chiodo. Subito dopo, ha accusato forti dolori all’addome e l’uomo di 40 anni è stato trasportato in ospedale. Arrivato nel nosocomio della cittadina laziale lo hanno sottoposto immediatamente a una tac. Anche nello stomaco era presente un chiodo e i sanitari dell’ospedale di Cassino hanno proceduto a un intervento d’urgenza. I medici del Santa Scolastica hanno eseguito un’operazione chirurgica in laparoscopia estraendo il chiodo dallo stomaco.

Operaio ingoia chiodi, erano nascosti nella farcitura

I due piccoli chiodi trovati nel panino si erano mescolati alla salsa e non erano visibili. Per sicurezza, la polizia ha chiuso il locale e ha proceduto al sequestro di tutti gli alimenti presenti nelle cucine e nei frigoriferi. Come siano capitati i chiodi nella farcitura non si può sapere. La polizia indaga per capire se i chiodi erano inseriti in maniera apposita oppure involontariamente. Comunque gli agenti puntano a scoprire, anche attraverso le testimonianze dei dipendenti, se si è trattato di negligenza nel preparare i panini incriminati. E’ difficile ricostruire la dinamica di come i chiodi erano nel cibo. Intanto sono stati anche analizzati tutti i turni per vedere chi in quel momento lavorava nel fast food. 

Paura in città, il fast food è chiuso

Una vicenda che ha generato molto spavento. Per adesso, il locale rimane chiuso. Disposto il sequestro da parte dell’autorità giudiziaria, ma la paura è tanta. Il fast food è frequentato anche da famiglie con bambini e un chiodo, seppur piccolo, ingoiato dai piccoli, poteva causare una tragedia. In uno stomaco di un bambino avrebbe creato più danni di quelli che ha avuto l’operaio. L’uomo, comunque, resta in prognosi riservata in ospedale nella speranza che questa brutta storia possa rimanere solo un ricordo.