Cirielli chiude la campagna elettorale a Scafati con Salvati

59

Chiude a Scafati la sua campagna elettorale Edmondo Cirielli. Il candidato di Fratelli d’Italia, capolista alla Camera nel Collegio Proporzionale Campania 2 saluterà, insieme agli altri candidati Nunzio Carpentieri (Candidato Proporzionale alla Camera) e Imma Vietri (Candidata Uninominale alla Camera), gli elettori nella Sala don Bosco in piazza Vittorio Veneto.
Una chiusura voluta fortemente dal sindaco Cristoforo Salvati anche per incontrare tanti cittadini dopo il periodo di pandemia che ha limitato le occasioni pubbliche di incontrarsi. Sarà il dott. Arpaia ad introdurre la serata che vedrà i saluti dell’avvocato Mario Santocchio (Presidente consiglio comunale Scafati) e degli assessori al Comune di Scafati Camillo Auricchio, Nunzia Di Lallo, Alfonso Di Massa e Daniela Ugliano, appena entrata nel partito della leader Giorgia Meloni dopo che da tempo aveva fatto capire le sue intenzioni ritrovandosi sempre in appoggio con l’attuale amministrazione che vede a capo il sindaco Cristoforo Salvati. La presenza del primo cittadino sarà l’occasione per aprire un dibattito anche sul futuro della città, ma è la dimostrazione che la nutrita schiera di assessori e consiglieri appartenenti al partito di Giorgia Meloni sono compatti intorno al sindaco e ai vertici del partito che parteciperanno alla serata. E’ atteso, infatti, Alberico Gambino, attuale Commissario di Fratelli d’Italia della provincia di Salerno, figura determinante in questa campagna elettorale.
Inoltre, non mancheranno i consiglieri comunali in quota al partito. Ci saranno Piero Carella, Giovanna Cavallaro, Emilio Cirillo, Teresa Cirillo e Luca Maranca.
Sarà una giornata intensa per Fratelli d’Italia. Alle 16 Giorgia Meloni sarà all’Arenile di Bagnoli, a Napoli, per concludere la sua campagna elettorale dopo aver gremito Piazza del Popolo a Roma per una serata entusiasmante. Poi Edmondo Cirielli si sposterà a Cava de’ Tirreni e arriverà a Scafati per la grande chiusura della campagna elettorale.